Differenza tra continuità aziendale e ripristino di emergenza

L'incapacità delle aziende di funzionare e prosperare a causa delle minacce è spesso inevitabile. Secondo ricerca effettuato dalla Federal Emergency Management Agency, il 90% delle organizzazioni fallisce entro il primo anno dopo aver subito un disastro. In quanto tali, le organizzazioni devono essere pronte e preparate per eventuali disastri e minacce. In questo processo, i termini business continuity e disaster management non sono solo comuni ma anche vitali. Disastri naturali come uragani, inondazioni, terremoti e incendi, nonché minacce provocate dall'uomo, tra cui violenza sul posto di lavoro, attacchi informatici e sabotaggio industriale, richiedono un disastro recupero piano di continuità aziendale.

Cos'è la continuità aziendale?

Questa è la tattica e strategico capacità delle organizzazioni e delle imprese di rispondere alle interruzioni che possono verificarsi nel corso delle operazioni aziendali. Un piano di continuità aziendale efficace dovrebbe considerare tutti gli aspetti dell'attività, inclusi dipendenti, consumatori, strategie di comunicazione, terzo contatti naturale disastri e tecnologia, solo per citarne alcuni. Dovrebbe anche contenere informazioni vitali per far funzionare l'azienda dopo un evento dirompente, incluso un disastro.



Un piano di continuità aziendale dovrebbe contenere

  • Misure preventive: si tratta di sistemi messi in atto per prevenire il verificarsi di eventi dirompenti
  • Misure di mitigazione: si tratta di misure messe in atto per limitare l'impatto negativo delle interruzioni dell'attività
  • Misure di recupero: si tratta di misure volte a garantire il ripristino delle normali operazioni aziendali il più rapidamente possibile, evitando così effetti negativi

Le imprese, tuttavia, hanno esigenze e strutture diverse. I piani di continuità aziendale, quindi, differiranno nelle diverse organizzazioni.

Cos'è il ripristino di emergenza?

Questo è il processo, le procedure e le politiche coinvolte nella preparazione per la continuazione e il ripristino di sistemi tecnologici, applicazioni e infrastruttura di cui un'organizzazione ha bisogno per operare dopo un'interruzione o un disastro.



Il ripristino di emergenza è un argomento di continuità aziendale e si concentra sulla tecnologia o sui sistemi informativi, compreso il ripristino dei dati. In quanto tale, ripristino di emergenza pianificazione implica garantire che i dati siano archiviati e sottoposti a backup in modo tale che i dipendenti possano accedere a qualsiasi piano, server, posta, file e presentazioni quando lavorano da una posizione fuori sede.

Sebbene il ripristino dei dati non garantisca la continuità aziendale, la continuità aziendale non può essere efficace senza il ripristino di emergenza.

Somiglianze tra Business Continuity e Disaster Recovery

  • Entrambi coinvolgono il mitigazione dei rischi coinvolti nelle operazioni aziendali

Differenze tra Business Continuity e Disaster Recovery

Definizione

La continuità aziendale si riferisce alla capacità tattica e strategica delle organizzazioni e delle imprese di rispondere alle interruzioni che possono verificarsi nel corso delle operazioni aziendali. D'altra parte, il ripristino di emergenza si riferisce al processo, alle procedure e alle politiche coinvolte nella preparazione per la continuazione e il ripristino di sistemi tecnologici, applicazioni e infrastrutture di cui un'organizzazione ha bisogno per operare dopo un'interruzione o un disastro.



Aspetti aziendali

Mentre la continuità aziendale si concentra su tutti gli aspetti dell'attività, inclusi dipendenti, consumatori, strategie di comunicazione, contatti di terze parti e tecnologia, il ripristino di emergenza si concentra sulla tecnologia o sui sistemi informativi, incluso garantire che i dati siano archiviati e sottoposti a backup in modo che i dipendenti possano accedere a qualsiasi piano, server , posta, file e presentazioni quando si lavora da una posizione esterna.

Esempi di rischi considerati

Esempi di rischi considerati in un piano di continuità aziendale includono dipendenti, consumatori, strategie di comunicazione, contatti di terze parti, naturale disastri e tecnologia. D'altra parte, esempi di rischi considerati in un piano di ripristino di emergenza includono l'interruzione di sistemi tecnologici, applicazioni e infrastrutture.

Continuità aziendale e ripristino di emergenza

Riepilogo della continuità operativa e del ripristino di emergenza

La continuità operativa si riferisce alla capacità tattica e strategica delle organizzazioni e delle imprese di rispondere alle interruzioni che possono verificarsi nel corso delle operazioni aziendali. Si concentra su tutti gli aspetti dell'attività, inclusi dipendenti, consumatori, strategie di comunicazione, contatti di terze parti e tecnologia.



D'altra parte, il ripristino di emergenza si riferisce al processo, alle procedure e alle politiche coinvolte nella preparazione per la continuazione e il ripristino di sistemi tecnologici, applicazioni e infrastrutture di cui un'organizzazione ha bisogno per operare dopo un'interruzione o un disastro. si concentra sulla tecnologia o sui sistemi informativi, incluso il garantire che i dati siano archiviati e sottoposti a backup in modo che i dipendenti possano accedere a qualsiasi piano, server, posta, file e presentazioni quando lavorano da una posizione fuori sede.

Nonostante le differenze, la continuità aziendale non può essere efficace senza il ripristino di emergenza. Le aziende dovrebbero, quindi, impiegare entrambe le strategie per operazioni commerciali fluide e una ripresa più rapida in caso di interruzione.