Differenza tra debito e credito nella contabilità

Il principiante della contabilità Luca Pacioli è colui che ha scoperto il sistema di partita doppia comunemente utilizzato nella contabilità. Il sistema di contabilità in partita doppia è un sistema in cui le transazioni commerciali influenzano lati diversi di un conto con un effetto di debito o credito.

Il debito indica una destinazione mentre il credito indica una fonte di vantaggio monetario. Nella contabilità, viene accreditata l'origine della transazione e addebitato il conto di destinazione. La comprensione di entrambi i concetti può essere faticosa, ma necessaria qualsiasi pratica contabile.



Cos'è un addebito?

I debiti sono spese o qualsiasi importo pagato da un conto a un altro, che si traduce in un aumento delle attività e in una diminuzione delle passività o del patrimonio netto in un bilancio. L'addebito è una pratica contabile e contabile formale che ha avuto origine dal termine latino 'debere' che significa debitore. Un addebito è posto sul lato positivo dei bilanci e sul lato negativo delle voci di risultato. In contabilità l'addebito viene inserito a sinistra dei sistemi di contabilità in partita doppia. Il lato opposto contiene i crediti.

Nella contabilità è importante notare quanto segue:



  • Addebitare sul conto di un debitore significa ridurre il debito
  • Addebitare un conto patrimoniale significa aumentare il patrimonio
  • Addebitare un conto delle entrate significa che il reddito è diminuito
  • L'addebito dei conti di spesa implica che le spese siano aumentate

Alcuni dei conti aumentati mediante addebito includono beni (crediti, inventario, attrezzature e contanti), spese (affitto, stipendio, interessi), perdite e prelievi. Alcuni dei conti diminuiti dai debiti includono passività (debiti), patrimonio netto (stock e utili non distribuiti). I saldi di debito sono l'importo che rimane dopo che è stata eseguita una serie di registrazioni. Nella doppia contabilità i conti in accredito e in addebito dovrebbero essere lasciati uguali.

Cos'è un credito?

I crediti sono importi in sospeso dovuti ai creditori dai debitori. All'interno del libro mastro contabile, è registrato sul lato destro dei bilanci. Quando si accredita un conto, significa che c'è un importo negativo all'interno di quel conto. L'aumento delle passività dovuto all'aumento degli importi nei debiti comporta un aumento del risultato di un importo negativo.



Il principio della partita doppia guida anche i crediti in quanto un effetto su un conto deve riflettersi su un altro conto. Un creditore è quell'individuo che offre credito. Il credito deve essere offerto in cambio di prodotti o servizi tra creditori e debitori. Il pagamento si basa sul periodo determinato.

È importante comprendere quanto segue nella contabilità:

  • I crediti su un conto debitore significano aumento del debito
  • I crediti su un conto attività implicano una riduzione delle attività
  • I crediti su un conto reddito implicano un aumento delle entrate
  • Gli accrediti in conto spese implicano una riduzione dei costi

I conti incrementati dai crediti includono passività (debiti), ricavi (vendite, utili) e utili. I conti che sono diminuiti dai crediti includono attività come contanti, crediti, forniture e infine terreni.



Differenze tra debito e credito nella contabilità

Le principali differenze tra questi due termini contabili possono essere tratte dai seguenti motivi:

  1. Significato di debito e credito nella contabilità

Gli addebiti sono importi pagati da un conto e determinano un aumento delle attività. I crediti sono importi in sospeso dovuti ai creditori dai debitori.

  1. Posizione di debito e credito nella contabilità

L'addebito viene posizionato sul lato sinistro dei conti contabili e dei bilanci. Il credito è posizionato sul lato destro opposto dei conti contabili e del bilancio.

  1. Account personali

Nei conti personali vengono addebitati i registri del destinatario, mentre dall'altra parte vengono accreditati i donatori.

  1. Uso di debito e credito nella contabilità

Il credito viene utilizzato per indicare un importo che è stato ritirato. Gli addebiti vengono utilizzati per indicare le aggiunte.

  1. Conti nominali

Le spese e le perdite in conti nominali vengono addebitate mentre le entrate e le plusvalenze in tali conti vengono accreditate.

  1. Conti reali

L'addebito indica ciò che entra mentre il credito indica ciò che esce.

  1. Effetto risultante opposto

L'aumento del credito diminuisce il debito e l'aumento del debito diminuisce il credito.

Debito vs credito in contabilità: grafico di confronto

Riepilogo di debito e credito nella contabilità

  • Debiti e crediti sono entrambi importanti concetti contabili inventati da Luca Pacioli.
  • Entrambi i termini significano due mani di un corpo che è il libro mastro o il bilancio.
  • Ogni transazione influisce sia sul lato del credito che sul lato del debito.
  • Entrambi hanno un effetto risultante opposto, un aumento in uno porta a una diminuzione nell'altro. L'aumento dei debiti porta a una diminuzione dei crediti e viceversa.
  • Dovrebbero essere entrambi uguali quando conteggiati nel bilancio.